mercoledì, ottobre 22, 2008

Regime

Mi hanno fatto riflettere le parole di Pino: "la Gelmini va sostenuta per la coraggiosa riforma a ritroso fatta, per finalmente sciogliere la CASTA degli insegnanti..."
Casta chi, gente che guadagna 1000 euro/mese? Ma smettiamola. Eppoi, la Gelmini è davvero coraggiosa come dici, oppure è stata solo chiamata a prestare la sua immagine da maestrina anni '50 per indorare l'amara pillola dei tagli governativi contro deterioramento dei conti pubblici contenuti nella Finanziaria di Tremonti?

Dopo alcuni mesi di idillio con gli italiani - nel mezzo l'abolizione dell'ici (irrilevante per il ceto medio), il provvedimento Abi-Governo sui mutui (di fatto un altro imbroglio ai danni del cittadino), il lodo Alfano, solo per citare alcune delle cose di cui proprio non sentivamo il bisogno - iniziano ad affiorare i primi malumori dei cittadini contro la politica di Berluconi & C.

Ora è la volta della scuola, ma presto si metterà mano alla sanità, pubblico impiego in generale etc... Badate bene, tutto ciò che ci ritorna come beneficio, in termini di servizi, come contribuenti. Tagli alla spesa sì, tagli alle tasse no. Precarizzazione della vita sì, regole no. Sostegno alle banche e alle aziende sì, aiuti agli indigenti no.

Tanto poi se ne usciranno con gli aiuti a sostegno della famiglia e tutti ci inteneriremo. Magari un bel bonus bebè, che tanto piace al premier...anche perchè sa benissimo che con questi chiari di luna di figli non se ne fanno più.

Mentre scrivo apprendo che Berlusconi vieterà le occupazioni delle Università grazie all'ausilio delle forze di polizia. Qui la conferenza stampa del Premier a Palazzo Chigi.
Un atto intimidatorio con l'intento - non dichiarato - di far saltare la manifestazione del PD del prossimo 25 ottobre.

Etichette: , , , , , , , ,

8 Comments:

At 7:47 PM, Anonymous Pino said...

Bè su queste cose, purtroppo, non la vedremo mai allo stesso modo... Confermo. GLI INSEGNANTI SONO UNA CASTA! Chi di loro prende 1000 €uro al mese? Dove le hai trovate queste retribuzioni? Ribadisco un altro concetto: quale categoria di lavoratori lavora 20 ore settimanali (4 ore al giorno...) ed ha 4 mesi (da metà giugno a metà settembre più 15 giorni a Natale ed una settimana a Pasqua)di ferie pagate? NESSUNO! Inoltre se sentite pareri più autorevoli dei soliti sindacalisti "CCiggiellini" quali ad esempio il Dr. Mascagni editorialista di Italia Oggi affermano che in realtà questa benedetta riforma non riduce i posti effettivi di lavoro ed allinea l'Italia agli altri Paesi Europei in cui l'Insegnante Prevalente, alle scuole Primarie, è una Regola fissa. Per quanto riguarda la manifestazione del 25 credo, pur non essendo del PDL, che sia più Veltroni a cercare "visibilità" per avere gente in piazza che il contrario.... Ricordo che contro Mortadella, in piazza a Roma, per ben due volte, sono scese quasi due milioni di persone.... TopoGigio non penso farà altrettanto...

 
At 10:05 AM, Anonymous Anonimo said...

La questione è di metodo, in una democrazia le riforme di settori strategici si discutono con le parti in causa, questo governo pensa che basti aver vinto le elezioni (tra l'altro con una maggioranza relativa), per poter decidere da solo sulla pelle delle persone. La scuola ha tanti problemi, ma con i tagli la situazione non migliora, anche perché ci sono altri settori dove si potrebbe ridurre la spesa (vedi la vergogna della cordata Alitalia). E non è vero che l'insegnante, quando non insegna, non lavora. Ci sono i compiti da correggere, gli aggiornamenti, le attività scolastiche al di fuori dell'orario. Io ne conosco che fanno con vera passione il loro lavoro. Se molti insegnanti le snobbano dipende anche dal fatto che questo lavoro è stato squalificato socialmente, e si è fatto entrare spesso nel mondo dell'insegnamento gente non adeguata. Bisogna solo decidersi: si vuole un sistema pubblico efficiente per tutti o si vuole andare ulteriormente in mano ai privati, favorendo le strutture d'elite e ritornare alla scuola di classe di un tempo? B. e tirapiedi vari vogliono la seconda opzione, certo favoriti da iniziative ventennali in questa direzione.
Gesualdo

 
At 4:38 PM, Blogger the opinion maker said...

Concordo con Gesualdo su tutta la linea. Non sono e non sarò mai per l'assistenzialismo (chi mi legge lo sa), ma sono per una riforma seria del sistema scolastico che costituisce le fondamenta e il futuro di un Paese.

Dirò di più: questo episodio conferma l'assoluta assenza di visione strategica da parte della destra. E senza questo requisito purtroppo si affonda. Una ragione in più per scendere in piazza e lottare contro chi vuole costruire un'italietta di servi sciocchi e obbedienti, "fatti di televisione" spazzatura e senza prospettive.

I giovani devono contare di più in questo Paese, bisogna valorizzare i talenti e lo stesso Veltroni attinga dalla piazza e dia un calcio in culo alle fighette come la Madia. Meritocrazia davvero.

 
At 7:56 PM, Anonymous Anonimo said...

concordo in pieno con il pensiero redatto dall'amico Enzo e vi preannuncio che sarò a Roma dove si prevedono circa due milioni di persone enon quattro gatti come pensa e spera l'amico Pino un saluto l'avvocato

 
At 12:40 AM, Anonymous Pino said...

L'Avvocato? Non sarà mica Davide? Ciao! Nonostante la politica ci divida,gli amici rimangono!!! Comunque Veciè parli di Regime com'è che il tuo "amico" Santoro l'altra sera ha vietato di parlare ad uno studente non "allineato"? (di Azione Giovani...). Rimpiango i tempi in cui il "Cavaliere" promulgava "L'Editto Bulgaro"! W LA GELMINI!!!
P.S.: Veciè, Io sono di DESTRA, ma purtroppo questo governo non lo è!
Haider nei Cuori!

 
At 7:33 PM, Blogger the opinion maker said...

Grande avvocà!

Che piacere averti tra noi. Come vedi qui le idee sono varie. Sei stao alla manifestazione? Grande. Avrei tanto voluto esserci.

A Pino, la destra non sarà la DESTRA che dici tu ma è pricolosa lo stesso. Ancor più perchè pè una destra demagogica e lontana dalle esigenze di quell'Italia che è scesa in piazza sabato e probabilmente da molta dell'Italia che l'ha votata per via del carisma e della mediaticità del Cav.

 
At 11:39 AM, Anonymous zio Gil said...

Comunque, da quando hanno pubblicato un libro intitolato La Casta sono diventate tutte "caste".
È la tecnica specchio-riflesso, chi-lo-dice-sa-di-esserlo, ecc.
Il senso delle parole non si è perso, è proprio finito in ****.
E comunque questo clima da stadio è inaudito. Destra e sinistra come fossero Milan e Inter, per cui se una decisione viene presa dalla propria parte si fa la ola e se viene presa dagli altri si manifesta contro. Ma oh.

Scusa lo sfogo Vince' :-D lo so che non è casa mia...

 
At 4:41 PM, Blogger the opinion maker said...

Sei sempre il benvenuto zio ;-)

Hai ragione, questo clima infuocato non giova al Paese. Infatti siamo fermi da anni proprio per il perenne clima di rissa fomentato - devo dirlo - dal Cavaliere.

Ciao!

 

Posta un commento

<< Home