martedì, agosto 02, 2005

Sotto l'ombrellone, un libro in mano, una canzone.


Bangs Book Posted by Picasa

Forse è per autoindulgenza che vedo in tutti i bastardi figli di puttana dei lati positivi, spesso, al contrario, diffido delle persone "normali".

Per questo il mio pensiero odierno va a Lester Bangs, chi è costui ? Anzi chi era, visto che se n'è andato al creatore nell'ormai lontano (ahinoi) 1982, all'età di 37 anni.

Chi era dunque Bangs? Un tossico, un alcolizzato, un casinista, un sovversivo, un maniaco teppista, un musicista, certamente uno dei migliori critici musicali degli anni '70 (immortalato anche nel film Almost Famous).

Oggi ho un po'di tempo così mi piace proporvi la lettura davvero curiosa dei suoi migliori scritti raccolti in questo "Guida ragionevole al frastuono più atroce", edito da Minimum Fax.

Scritti che tracciano il percorso di vita di questo personaggio, capace di rappresentare nella maniera più lucida, disincantata ed esatta lo spirito del rock'n'roll.
Sì perchè Lester era il rock'n'roll, la penna era il suo plettro per guizzare tra le righe del quaderno come tra le corde di una chitarra elettrica: Bangs ha insegnato a intere generazioni di critici e ascoltatori cos'è il rock'n'roll, a lui si devono termini come punk, heavy metal e via discorrendo, a lui si deve l'utilizzo di un linguaggio senza fronzoli, vicino allo slag giovanile, diretto, comunicativo, d'impatto.

Perciò amici, se avete un po' di tempo, abbandonatevi al flusso e lascitevi guidare all'ascolto di alcuni dei "più brutti schiamazzi infernali" della storia della musica. Solo vagiti sgraziati infondo, che però - come ammette lo stesso Bangs - "negli anni mi hanno reso consapevole di essere vivo". E ... cos'altro è il rock'n'roll nell'essenza se non questo?

il vostro affezionatissimo the opinionmaker

9 Comments:

At 3:56 PM, Anonymous Anonimo said...

Toglieteci anche il rock'n'roll e stavolta succede veramente la rivoluzione.

 
At 3:57 PM, Blogger polpetta said...

Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

 
At 3:58 PM, Blogger polpetta said...

Sotto l'ombrellone, un libro in mano, una canzone o un cazzone? Qui manca qualcosa!!!

 
At 4:25 PM, Blogger the opinion maker said...

scema...al posto di apprezzare la mia recensione...

 
At 2:01 PM, Anonymous Anonimo said...

te l' aprrezzo io la tua recensione:)
Mitico Enzo, un vero comunicatore di emozioni!

Buon estate.

Danilo

 
At 2:20 PM, Blogger the opinion maker said...

Uàaaa Danì che complimento ", detto da te vale doppio, sei un tipo critico e soprattutto non menti.

Hai visto il tipo del blog che mi segnalavi? Non s'è ucciso poi, addirittura una casa editrice lo ha contattato per scrivere qualcosa. Certo che ci ha tenuto col fiato sospeso... sembrava di assistere a un thriller a puntate.

Mah, te saluto va...

V

 
At 2:36 PM, Blogger polpetta said...

Intanto, senza di me non avresti corretto il refuso: come si farebbe senza qualcuno che ci critica? Saremmo sempre gli stessi! E tu invece stai cambiando alla velocità della luce, mio caro comunicatore di emozioni!

 
At 2:57 PM, Blogger the opinion maker said...

cioè...in che senso?

Sei invidiosa forse?

Ciao pesantona, a dopo per la mostra

 
At 3:34 PM, Blogger polpetta said...

No, sono contenta...perchè ora sei più capace non solo di comunicare emozioni, ma anche di farle provare! A dopo

 

Posta un commento

<< Home