mercoledì, agosto 03, 2005

Salernitana bocciata al TAR: si ricomincia dalla C (forse)

In un momento di "distrazione" dal lavoro mi sono andato a riguardare un po' degli spunti emersi in questi mesi sul nostro blog, mi sono soffermato su un post che definirei profetico di Delle Serre sulla Salernitana, che titolava in tempi non sospetti, ironicamente: "Nuovi indebitamenti e vecchi artifizi ".

Facendo suo un articolo de "il Mattino" sulla situazione debitoria della società granata, il nostro faceva luce su ciò che sarebbe accaduto alle scadenze prefissate per il pagamento dei debiti con il fisco contratti nel corso di questi anni, smascherando abilmente la menzognera mossa della società capitanata da Aliberti, che dava in pasto alla stampa la notizia dell'incremento di capitale sociale.

Fumo negli occhi per il buon Delle Serre che riportava a tal proposito testualmente: "In realtà (ma questo la stampa o le TV non lo dicono), si vuole cercare di coprire il pesante disavanzo, già stimato nella stessa delibera di dicembre, ossia adombrare quella che è la vera notizia. Infatti il titolo dell’articolo sopra riportato non richiama l’indebitamento bensi “l’aumento del capitale sociale” entro il mese di Aprile. Piccoli giochi dei titolisti che in realtà svelano evidenti giochi di potere".

Aveva previsto tutto, bisogna rendergliene merito (chissà cosa risponderebbe PDB;-), l'unica cosa che non aveva previsto era la durezza degli organi della giustizia sportiva che stavolta al solito colpo di spugna, hanno preferito la linea dura contro le società indebitate.
Ce ne andiamo mestamente in C (che incubo!), anche perchè Aliberti è oramai indifendibile con un'immagine compromessa dalle ultime accuse di associazione a delinquere di stampo canorristico.
La netta sensazione è che la sua era a Salerno sia definitivamente chiusa, ora bisognerà ricostruiere, ammesso che vi siano imprenditori che abbiano forza e voglia di farlo.

the opinionmaker

20 Comments:

At 5:35 PM, Blogger the opinion maker said...

Ti ringrazio per il "profeta", non lo sono, sono (ed ero) semplicemente ben saldo con i piedi per terra. Mi aspettavo un simile "esploit" in negativo della dirigenza, i conti parlavano chiaro già da qualche anno e gli atteggiamenti della società erano di mascherare il marciume con "artifizi".
Soltanto che qualcuno pensava che ero il solito polemico e avverso contro la dirigenza-Aliberti, in realtà ciò che dicevo era saldamente ancorato a dei dati di fatto. I fatti (e scusate ma voglio sottolinearlo) mi danno ancora una volta ragione e ringrazio il nostro Opinion Maker che me lo riconosce. Anch'io devo riconoscergli che effettivamente non pensavo come il CONI e la giustizia sportiva si fossero accaniti in questo modo.
I dati però parlano chiaro, siamo alla frutta..aggiungiamoci ora pure i cereali!
GDS

 
At 5:45 PM, Blogger the opinion maker said...

Ah,ah,ah...bella quella dei cereali. Mi piacerebbe sapere cosa ne pensa "'uomo della ceramica".

V

 
At 10:02 AM, Anonymous PDB said...

CHIACCHIERE DA BAR!!!!

Fra i poverini a cui allude il DS c'ero anch'io. Sveglia alle quattro e partenza per Roma con un caldo da girone dantesco......
Nessun riferimento al Presidente, nessuno vuole leccare il culo a chicchessia, ma il motto era "A Difesa della nostra città". D'altronde i vari DS che festeggiavano le promozioni in serie A e via dicendo dove sono quando c'è da soffrire. SALERNITANA...un patrimonio di tutti, quando le cose vanno bene. Poi FINIAMOLA con squallide chiacchiere come il pagamento degli affitti della sede. Ciò che conta sono i fatti, e se alcuni soggetti non si liberano dai pregiudizi leggeranno le notizie sempre ed esclusivamente dal loro punto di vista. Cominciamo dai dati di fatto: l'erario vanta l'irrisoria cifra di 660 milioni di Euro di crediti dal movimento calcistico professionistico, la sola Salernitana deve allo Stato 22 miliono di Euro...voi sapientoni siete certamente in grado di calcolare la quota percentuale dovuta dai Granata al nostro benemerito Stato. La FIGC aveva imposto, come termine perentorio e ribadisco perentorio il 30 di giugno per il pagamento degli stipendi, fino al 31 marzo, di tutti i dipendenti delle società calcistiche, il versamento dei contributi INPS ed INAIL, ed altre condizioni relative al bilancio, non controverse per la Salernitana , ma solo per il Granata di Torino. Tornando a quanto detto ci sono dati del Ministro del Welfare, l'amico, di DS e di DT, il leghista Maroni, che rivelano che molte società hanno provveduto intorno al 20 di luglio ai detti pagamenti, ed alcune non vi hanno ancora provveduto, vedi Pescara etc.....Unica inadempienza della Salernitana è il non aver raggiunto ancora un accordo transattivo con l'Agenzia delle Entrate. Il patron Aliberti ha certamente tentato di speculare sui tempi, sfido, però, chiunque, debitore di una certa somma di danaro, a fare altrimenti...a pagare ed a morire c'è sempre tempo. L'atteggiamento, probabilmente dilatorio del Presidente Granata, unito, non me ne voglia il Fiorillo, all'inerzia se non proprio il noto immobilismo degli Enti Pubblici, ha fatto sì che un accordo non sia stato ancora concluso, sebbene la proposta transattiva sia stata inoltrata
imposti dagli Organi Federali. Quanto dura un'istruttoria? C'è qualcuno che rema contro? Boh?Mi chiedo come mai il Messina che ha ritardato la consegna della documentazione sia stato riammesso al campionato di competenza? La motivazione della Sentenza del T.A.R. è dettata dal buon senso, ma poco Giuridica. Un termine o è perentorio o non lo è, magari i Giudici ponessero sempre a fondamento delle loro decisioni la ragionevolezza. Forse vale più il blocco dei Traghetti che uno stuolo di luminari del diritto. Un giornalista dell'Ansa mi ha detto, quando ero a Roma sotto la sede della Camera di Conciliazione del CONI "avete il miglior Avvocato che si possa avere"....non è bastato. Il T.A.R. ha dato udienza ai nostri legali per soli 20' a dispetto dell'1H 30' concessa ai legali del Toro, evitando di discutere alcuni argomenti, sostenendo di averli discussi durante le udienze precedenti. Ora è tardi, ho una riunione con i Gruppi Ultrà, se ci sarà da andare sui binari a bloccare i treni, io ci andrò, non sto in poltrona ad ingrassarmi quando vengono i risultati positivi o a dissociarmi quando le cose vanno male, non per difendere Aliberti, il quale non mi ha mai dato nulla....anzi, ma a difendere il DIRITTO. O si azzera il calcio professionistico o si lascino le cose invariate. Venendo al futuro, io non li conosco, ma già non se ne parla bene di questi imprenditori pronti per il lodo Petrucci. In quindici anni di gestione Aliberti a Salerno non c'era nessuno disposto ad investire, ora che ci si può avventare sulla carcassa dell'animale morto, vengono fuori ben 16 avvoltoi, complimenti. Mi auguro solo che se dovesse succedere davvero non ci troveremo un giorno a rimpiangere Don Aniello. Attenti voi che fino ad oggi avete sparato a zero. Una domanda a tutti. Oggi in quali panni vi metteresti in quelli dei tifosi Messinesi o in quelli dei tifosi Bolognesi. Magari siete tutti come i Napulilli........
Forza Salernitana...a difesa della nostra città.

PDB

 
At 11:26 AM, Blogger the opinion maker said...

Hai ragione,
meglio l'uomo della ceramica per presidente, le qualità da manager penso li abbia!!
Anche se il difendere Aniello in questo modo, lo rende altamente vulnerabile!!
E' il momento buono vai grande DB

 
At 11:33 AM, Anonymous GDS said...

Altro che "a difesa di una città" che può anche piacermi come slogan, questa è una difesa per Aliberti. Le tue invece sono le chiacchiere da avvocato dei poveri!!
Forse il Sig. DB si dimentica che la retrocessione SUL CAMPO e successiva riammissione era stata già una gentile concessione di pasticciacci derivanti dalla giustizia sportiva di un paio di estati fà.
Il dott. DB poi esce allo scoperto dopo mesi di assenza per buttare fuori uno "sproloquio" tecnico- giuridico pro-Aliberti senza riconoscere il pesante indebitamento nei confronti dell'Erario e aggiungo dell'ente previdenziale. Viene giustificato un ritardo, l'ENNESIMO!! Questo gli organi sportivi se lo ricordano e quindi alla fine è chiaro che te lo fanno pagare, caro mio!!!
Indebitamento antico. Lo stesso non ricorda che era dovuto intervenire anche Soglia a facilitare l'iscrizione (con una fidejussione!!?) dei nostri granata qualche anno fà, proprio quando c'era Zeman.
Con tutti i milioni di debiti che aveva accumulato il Signore di S.Giuseppe non è stato nemmeno capace di portarci in serie A, almeno poteva allargare ancora di più la mano - mettersi altri soldoni in tasca - ed allestire una squadra competitiva.
Invece no, ha fatto sempre la formichina, ha sempre tirato la corda allestendo formazioni senza le carte in regola per puntare in alto e alla fine ha anche massacrato di debiti la società.
Ma non eri tu che ne parlavi come abile imprenditore, ottimo manager??
Ha fatto la fine del coglione!
La risposta è venuta, io me la aspettavo da tempo!!
La mia avversione (a prescindere e te ne dò atto) deriva da dati di fatto inconfutabili, dalla sua gestione, dall'operatività di mercato, dalle cazzate che Vi ha riempito in questi anni.
Finalmente e lo spero IL SUO NOME E' MAI PIU'.
E nessun rimpianto..
Corri pure sui binari con gli ultras e voglio vedere se ora ci saranno quelli che porteranno il solito "Aliberti vattene", se qualcuno avrà il fegato!!??

 
At 11:44 AM, Anonymous pierino said...

Carissimi, che dobbiamo fare? viston che la SA-RC si blocca da sola e che la ferrovia la si ferma solo per la munnezza, si potrebbe rapire la velina del bomba e tenerla in ostaggio fiono alla sentenza positiva del CdS

 
At 12:07 PM, Anonymous Anonimo said...

Cacchio Pierì ma la velina del Bomba ti piace veramente tanto!
Hai proprio ragione, piccolina ma simpatica!!
Invece io propendo per l'"uomo della ceramica" for president!!!
Quanto meno bisogna dargli una chance nella nuova dirigenza.
Vincè ma tu non conoscevi quell'amico di peppe Soglia, quell'imprenditore che mi avevi fatto conoscere a Mi. Si potrebbe parlare con lui!
Il giovane Dott. Avv. potrebbe, con il capitale che si ritrova, acquisire qualche quota azionaria.
Bisogna incoraggiarlo a lanciarsi!
GDS

 
At 12:13 PM, Blogger the opinion maker said...

Anch'io sottoscrivo: c'avevo pensato a mandare l'uomo della ceramica alla presidenza. Paolè fatti avanti ! A parte gli scherzi ci vorrebbe gente d'entusiasmo e di cuore a Salerno.

Riguardo però alla tua accorata difesa delle ragioni di Aliberti devo dire che non sono d'accordo, per esempio:

quando dici testualmente,"la sola Salernitana deve allo Stato 22 miliono di Euro...voi sapientoni siete certamente in grado di calcolare la quota percentuale dovuta dai Granata al nostro benemerito Stato".

Che vuoi dire che è poco?

oppure quando dici, "Il patron Aliberti ha certamente tentato di speculare sui tempi, sfido, però, chiunque, debitore di una certa somma di danaro, a fare altrimenti...a pagare ed a morire c'è sempre tempo".

Che vuoi dire, che per una legge non scritta (che poi rientra nella nostra mentalità tutta italiaca),chi deve una somma di danaro a un ente, un azienda o un privato, può discrezionalmente scegliere se e quando restituirla? Beh, Paolè, mi pare un po' pochino per difendere le ragioni del più classico degli evasori. Non vorrei fare il moralizzatore, ma uno che fa un lavoro normale le tasse le deve pagare a costo di non arrivare a fine mese, perchè non dovrebbero farlo gl'imprenditori? La verità è che Aliberti, come dice Delle Serre ha gestito la società da incapace e soprattutto da bugiardo.

Nel calcio c'è solo bisogno di chiarezza. Ora Aliberti fa di tutto per scagliare i tifosi sui binari della stazione affermando candidamente, "sono rimasto solo": forse ha nostalgia di Casillo (eheheh).
Ma ragà che stamm'ricenn'? Bloccare i treni per il calcio? Per delinquenti che il calcio lo stanno demolendo giorno dopo giorno? Cosa a vranno pensato i turisti che andando in Sicilia per una vacanza, hanno dovuto aspettare ore per un traghetto? "What's happen?", avranno chiesto sgomenti al responsabile di turno. "Non preoccupatevi" - la risposta - "è solo la popolazione che si ribella per l'esclusione della propria squadra di calcio dal campionato di competenza".
Ci deve essere qualcosa che non va in questo Paese, ci deve proprio essere qualcosa che non va...

il vostro the opinionmaker

 
At 12:18 PM, Blogger the opinion maker said...

AL MATRIMONIO DI DAVIDE ALBANESE ERA CIRCOLATO INSISTENTEMENTE IL NOME DI CICCIO RUSSO, CARISSIMO MIO AMICO DELLA BOCCIA srl, MA L'AVV. PDB E' PIU' REFERENZIATO, SOPRATTUTTO HA LE IDEE CHIARE SUL FUTURO (NO PAOLE'?). OK, POTREI DIRE A DINO CHE HAI CONOSCIUTO A MILANO SE LO SOSTIENE.

L'UOMO DELLA CERAMICA FOR PRESIDENT! LANCIAMO UNA PETIZIONE.

il vostro the opinionmaker

 
At 12:48 PM, Anonymous Anonimo said...

"Unica inadempienza della Salernitana è il non aver raggiunto ancora un accordo transattivo con l'Agenzia delle Entrate".
1)E ritt nient
2)non è affato l'unica
3)c'erano precise date stabilite per dimostrare la solidità economica societaria
4)meglio la C con l'"uomo della ceramica" (bello l'appellativo di DT)che con l'uomo dei legumi
GDS

 
At 3:32 PM, Anonymous GDS said...

Chiacchiere da bar?
Leggo da Il mattino di oggi 04/08:

'Nel novembre del 2001, tramite la Locat, Aniello Aliberti e Pasquale Casillo «si prendono lo sfizio» - scrivono gli investigatori del Gico - di acquistare a leasing due Alfa Romeo 166, dello stesso modello, colore e dotazioni, accomunate anche dalle due targhe in successione. I contratti della Locat sono stipulati con l’Avellino Calcio e con l’Agria spa, l’azienda di Aliberti. Le due auto risultano immatricolate nello stesso giorno il 9 novembre del 2001. Aliberti e Casillo viaggiano con due auto dello stesso tipo, perfino con la successione delle targhe: l’auto targata BR 451 TL, in uso a Casillo; l’auto targata BR 452 TL in uso ad Aliberti'.

Grande!
..anche idiota

 
At 3:38 PM, Blogger the opinion maker said...

...Alì Babà, proprio Alì Babà. Le pensano prorio tutte i napoletani.

Forza Salerno Ovunque

 
At 3:40 PM, Blogger the opinion maker said...

Oh, sbaglio o PDB ha una 166 BR 453 TL? Allora è over' che è proprio pronto per la poltrona di massimo dirigente (eheheh).

 
At 4:42 PM, Anonymous GDS said...

Devo confermare la 166 BR 453 è proprio la macchina dell'uomo della ceramica omaggiata da Aliberti per la sua opera di controllo delle masse, nella fattispecie il nucleo caldo degli ultras.

 
At 7:56 PM, Anonymous pdb said...

AMICI!!! non era mia intenzione passare per l'Avv. del Sig. di S. Giuseppe, al suo sevizio ve ne sono di più famosi e di più capaci. Veniamo ai fatti: è noto a tutti che i Bilanci delle aziende sono pubblici, vi invito, pertanto, a visionare i bilanci delle VS. GRANDI AZIENDE, ENGINEERING-DIGITAL PR-etc.... e leggere dallo Stato Patrimoniale la voce Debiti VS Istituti Previdenziali, VS Erario etc... scoprirete con ingiustificato stupore che anche la Vostra Azienda deve danaro allo "STATO"...d'altronde il debito è una delle voci di finanziamento di un'azienda. Dunque, complimenti a DS Mason, il quale candidamente afferma "io l'avevo detto!", caro Giulio bastava guardare il Bilancio che ripeto è PUBBLICO. Venendo ai fatti reali, non perchè i detti non lo siano, ma perchè ribadisco noti e per niente clamorosi, il TAR non ha certamente reso giustizia alla Giustizia (scusate la ridondanza, ma mi piaceva). Senza soffermarmi ancora sulla diversa valutazione della perentorietà dei termini in relazione al Messina rispetto alla Salernitana, la cosa che più mi rattrista, e lo dico da Avvocato, è la mortificazione che i Giudici compiono nei confronti dei professionisti. Infatti, immaginate quante ore di lavoro e quante notti insonni si trascorrono per redigere un ricorso che possa esprimere le proprie ragioni? ed immaginate quale frustrazione possa provare il detto professionista che vede liquidarsi in soli 20'?
Tornando ai fatti di casa nostra, ho assistito domenica l'altra ad immagini surreali. Alcuni tifosi, fuori dalla sede della Camera di Cinciliazione, sembravano dei padri nella sala di attesa del reparto maternità. Martedì sera, invece, all'arrivo della notizia della bocciatura pronunciata dal TAR ho visto dei ragazzi dei gruppi ultrà chiedersi "cosa dobbiamo fare?", "cosa possiamo fare?" "hai visto i Messinesi?", vagli a spiegare che il Messina non è stato riammesso per la proposta instradata. Sono questi gli individui di cui i peroro la causa, non quella del Patron di S. Giuseppe. Una cosa è certa, a Salerno nessuno si fida degli "avvoltoi". Ricordo a me stesso che il LODO PETRUCCI è un'alchimia inventata per "salvare" il Napoli, da diritto ad una società neonata che non abbia legami con la "defunta" società detentrice del titolo sportivo, e con la garanzia offerta dal Sindaco del Comune in questione, di rilevare il titolo sportivo e di essere ammessa al campionato immediatamente successivo a quello d'appartenenza.
Nel nostro caso, c'è una neonata società composta da 16, ripeto in lettere: sedici, imprenditori iscritti all'ANCE (Associazione Nazionale COSTRUTTORI EDILI). Quale credete sia il loro reale interesse? Il bene della Casacca Granata? Il movimento Calcistico Cittadino? La pubblicità? Il poter riempiere Salerno di colate di calcestruzzo? La piazza, anche la più antialibertiana è scettica. I fatti gli stanno dando ragione, si vocifera che i suddetti abbiano offerto 235.000 Euro per rilevare il titolo sportivo, il Mattino citato, per la chiacchiera sulle automobili, dice che si tratterebbe di un operazione da 3.000.000 Euro. Che ne dite un buon affare? Vero? Qui nessuno si fida. Solo il "Povero" Soglia nonostante Presidente dei Granata partecipò alla costruzione dell'Areche grazie ad uno "strano" subappalto. Correggetemi se sbaglio, ma Aliberti che interessi economici ha a Salerno? Quale affare ha concluso per il fatto di essere Presidente della Salernitana? Quante fabbriche di legumi ha aperto con il benestare della politica locale? La risposta è unica: NESSUNO. Vero? Voi vi fidate degli avvoltoi? A sentirvi parlare sembrate tutti dei tifosi Bolognesi, gli unici che possono vestirsi da moralisti e moralizzatori. Mi permetto di darvi un consiglio, abbandonate proteste sterile contro l'operato del Presidente e badate solo agli interessi della nostra amata cassacca. "A DIFESA DELLA NOSTRA CITTA'"

 
At 9:12 AM, Anonymous GDS said...

"ma Aliberti che interessi economici ha a Salerno? Quale affare ha concluso per il fatto di essere Presidente della Salernitana?"
lA sALERNITANA sport S.P.A e con essa ha fatto parecchi affari, un anno (di gloria non direi) in serie A e parecchi insuccessi (compresa una retrocessione SUL CAMPO in C), una gestione scellerata - tirata all'osso - e alla fine un indebitamento di 22 milioni di euro.
Ho capito ci sono stati e ci sono altri, tanti casi di società come la Salernitana e magari peggio, ma questo non deve farci nascondere e legittimare un presidente che sapeva già da dicembre dello scorso anno che sarebbero stati fatti dei controlli sui bilanci societari per verificarne la "solidità" e che c'erano delle precise scadenze.
Io non credo alla sua buona fede e alla sua volontà di correre ai ripari. Lui credeva solo di farla franca e che gli organi sportivi si sarebbero inventati qualche altra "mossa" per venire incontro ai morosi (insieme ad altri, dato che non era l'unico), come già successo.
Ma non può essere sempre così ed è giusto ricominciare senza Aliberti.
Morirà il calcio a Salerno senza di lui?
Il calcio a Salerno non morirà mai, soprattutto se ci saranno persone come DB, come l'"uomo della ceramica"! Noi confidiamo in te.

 
At 6:03 PM, Anonymous anita said...

Keanu ci sono riuscita???

 
At 6:40 PM, Blogger the opinion maker said...

Mi-ti-ca !!!

Maschioni cari vi annuncio che Anita c'è ! Per favore utilizzate un linguaggio adeguato alla presenza di un'altra signora sul nostro ormai affollatissimo blog.

A proposito di signore: ciao Polpy buona vacanza, buon ritorno a casa.

Forever your, opinionmaker

 
At 4:18 PM, Blogger Fickyz said...

Salve a tutti, finalmente qualche conterraneo che apre sti benedetti blog...uff, un quaderno da salerno e dintorni è veramente na buona trovata...saluti da Palinuro!!!

 
At 1:04 PM, Blogger the opinion maker said...

Cio fickyz, non so chi sei ma sei il benvenuto.

LA PORTALE UN BACIONE A PALINURO DA PARTE DEL SEMPRE PIU' VOGLIOSO DI ANDARE IN VACANZA, THE OPINIONMAKER

 

Posta un commento

<< Home