lunedì, giugno 06, 2005

L'artefice


Angelo Gregucci Posted by Hello
Alla fine ce l'abbiamo fatta, che fatica, ma va bene così considerando com'era iniziato questo campionato.

Domani si volterà pagina e s'inizierà a pensare alla prossima stagione con un derby sicuro (Napoli o Avellino. Chi preferite ?), ora però godiamoci il momento, siamo comunque la prima squadra campana e questo va benone; prima di salutarvi permettetemi solo di dedicare la copertina di oggi a chi secondo me è stato l'artefice principale della salvezza, quell'Angelo Gregucci che più volte ha manifestato il suo amore per Salerno e la Salernitana.

Di questi tempi mercenari non è poco, che ne dite ?
Ciao cari miei

P.S.
Soon, le immagini (di Tedesco) dello splendido venerdì sera tra amici, dove come sempre ho dato spettacolo (nunn'a vogl' fnnì proprio, scusatemi davvero eheheh). E' stato bello, spero lo sia stato per tutti voi, state in campana che presto sarete chiamati incausa sul mio/nostro blog...in programma, i temi referendari (di cui si parlava a Salerno), la politica Salernitana dopo gli schiamazzi notturni davanti al Cercopiteco (si nun c'ann' vattut' venerdì è solo per grazia di San Matteo), le diete di Marta (come dimenticare) e tant'altro ancora.

Saluti, stavolta veramente.

Tommy

7 Comments:

At 3:48 PM, Blogger Pokipsy said...

nun'a vuo' fini' proprio ... "hai preso di petto la sfida di del bufalo ed hai declmato" - non so' se per meriti del buon vino o grazie alle tue capacità comunicative - :P non so' se gianluca ti ha inviato le foto, fammelo sapere io ho appena finito di scaricarle.

 
At 5:16 PM, Blogger polpetta said...

Viciè! Stat accort!

 
At 11:01 AM, Blogger the opinion maker said...

Eh Eh Eh, lo sai ka penz' "soul" a te

 
At 11:29 AM, Blogger polpetta said...

ti sei meritato i versi di Gozzano di cui ti avevo accennato:

Socchiusi gli occhi, sto
supino nel trifoglio,
e vedo un quatrifoglio
che non raccoglierò.
[...]
Resupino sull'erba
(ho detto che non voglio
raccorti, o quatrifoglio)
non penso a che mi serba
la Vita. Oh la carezza
dell'erba! Non agogno
cha la virtù del sogno:
l'inconsapevolezza.
Socchiudo gli occhi, estranio
ai casi della vita;
sento fra le mie dita
la forma del mio cranio.
[...]
Verrà da sé la cosa
vera chiamata Morte:
che giova ansimar forte
per l'erta faticosa?
[...]
La Vita? Un gioco affatto
degno di vituperio,
se si mantenga intatto
un qualche desiderio.
Un desiderio? sto
supino nel trifoglio
e vedo un quatrifoglio
che non raccoglierò.

 
At 12:59 PM, Blogger the opinion maker said...

...Pensiero stupendo

 
At 3:00 PM, Blogger polpetta said...

Dato che sono in vena di pensieri stupendi (e un po' unti, come tu sai) ti regalo qualche altro link interessante:

chronicart

Osservatorio Editoria e Comunicazione

Wired

Eye Magazine

Future Concept Lab

 
At 5:14 PM, Blogger the opinion maker said...

Ottimi link per chi comunica di mestiere.


Tommy

 

Posta un commento

<< Home