martedì, novembre 21, 2006

Mafie: quando lo Stato abdica


Alla luce dei numerosi fatti criminosi di Napoli, ritorna centrale l'emergenza mafie nel nostro Paese.

Sfogliando la Repubblica di ieri, ho appreso che nella Commissione antimafia ci sono gli onorevoli Cirino Pomicino e Alfredo Vito.

Queste due persone in passato erano state indagate per mafia, non sono mai state condannate, ma mi chiedo quale sia il senso della loro presenza in questa Commissione.

Intendo dire, secondo i nostri politici, rispetto a una cosa del genere il cittadino cosa dovrebbe pensare?


La vignetta, bellissima è presa in "prestito" dal blog di Mauro Biani

7 Comments:

At 6:28 PM, Anonymous Ges said...

La classe politica è oggi decisamente cristallizzata: si autoriproduce e autotutela. I partiti di massa avevano il pregio di favorire un pur limitato ricambio nelle gerarchie del potere. Il fatto che stiano risorgendo o nascendo per la prima volta scuole di politica può far pensare ad un tentativo in questa direzione. Ma attualmente le poltrone vanno a chi è già nel minestrone da tempo, soprattutto se riguardano questioni scottanti...

 
At 11:57 AM, Anonymous Ges said...

Ho scoperto che Cirino Pomicino è stato rinviato a giudizio per il Crac Ambrosio, quindi le pendenze per lui non sono finite...

 
At 12:05 PM, Anonymous Anonimo said...

Montecitorio è la cupola dei mafiosi,non si salva nessuno! tutti mafiosi

 
At 3:44 PM, Anonymous Anonimo said...

tutti ladri!

 
At 10:28 PM, Anonymous Anonimo said...

un 51% coglioni!

 
At 10:18 AM, Anonymous Anonimo said...

si parla di mafia solo quando fa comodo....e in casi particolari......altre volte ci si scorda!!!!!!! Non esistono politici più sporchi degli altri, è tutto un calderone!

 
At 7:08 PM, Blogger the opinion maker said...

Per approfondimenti sulle fedine penali dei nostri politici, rinvio a questo indirizzo: http://www.beppegrillo.it/condannati_parlamento.php

 

Posta un commento

<< Home